Menu

Diari del genitore

“È valsa davvero la pena correre il rischio e fare qualcosa di completamente diverso”.

flag

In campeggio con la mia bimba a Kauai

AMY - OAKLAND, CALIFORNIA


Abbiamo iniziato a viaggiare con Ruby molto presto. Siamo andati a Seattle a trovare la famiglia di Jeremy quando lei aveva sei settimane. Non è molto audace forse, ma tutto sembra audace quando hai una bimba di sei settimane! Fare le valigie per il viaggio non è uno scherzo. Abbiamo agganciato un ciuccio di quelli con la catenella alla nostra bambina per tenerla occupata durante il viaggio, visto che può essere una buona distrazione mentre si fa la coda e può dare conforto durante il decollo. Quando voliamo ci portiamo dietro un cuscino per sorreggere Ruby e tenere un po’ a riposo le nostre braccia e spalle! A lei viene sonno in aereo e di solito dorme.

Credo che il nostro viaggio più lungo sia stato quello verso Kauai alle Hawaii, presso un camping. Un nostro amico compiva 40 anni e non volevamo perderci il suo compleanno. Nel fare le valigie abbiamo dovuto ridurre al minimo le nostre cose per avere spazio per una tenda, i nostri sacchi a pelo e altra attrezzatura da campeggio. Appena arrivati siamo andati al supermercato a comprare pannolini e una piscina per bambini per i suoi bagnetti e abbiamo anche noleggiato un passeggino e un seggiolino Bumbo da una società di noleggio. Ho trovato molto utile avere un punto fisso dove mettere il bambino durante il campeggio, altrimenti si ritrova ricoperto di foglie e terra ogni volta che desideri avere le mani libere. Non che a loro dispiaccia, ma un seggiolino semplifica tutto. Abbiamo usato anche un portabebè, visto che molti dei luoghi dove siamo stati non erano asfaltati.

Immagine Amy Oakland

Ruby aveva cinque mesi e l’allattavo al seno, perciò non abbiamo dovuto portare tante apparecchiature. Ha dormito nella nostra tenda su un cuscinetto tutto suo posato a terra e perpendicolare a noi. La tenda era per quattro persone ma piuttosto angusta ed io pensavo che sarebbe stato peggio per le nanne, ma invece è stato piacevole dormire tutti e tre così vicini l’uno all’altro come se fossimo un tutt’uno. Non avevamo mai dormito insieme perciò è stata un’esperienza unica.

È stata un’esperienza stancante ma molto appagante e lei si è divertita tantissimo, perciò abbiamo passato dei bei momenti anche noi. Era un campeggio di gruppo, eravamo più o meno una quindicina in totale e abbiamo messo su una piccola comunità dove ogni mattina ci alzavamo e riunivamo tutti questi tavolini da picnic e iniziavamo a preparare la colazione. Ruby adorava tutti questi preparativi e voleva stare con tutti ed ascoltarli, sorrideva a tutti! È valsa davvero la pena correre il rischio e fare qualcosa di completamente diverso.

Scommetto che la prossima volta che andremo a trovare i nostri genitori sarà diverso, visto che ora è molto più vispa, perciò prevedo che si sentirà un po’ più annoiata e costretta in aereo. Beh, noi pensiamo che ne valga la pena


-200,000-years
Di solito ero l’unico papà, ma mi ci sono abituato presto
Leggi la storia di Ben

Ci risulta che ti trovi in un Paese diverso Cambia sito?

Ignora