Menu

Diari del genitore

“E se facesse le cose in modo diverso rispetto a me? Cosa succederebbe se non si sentisse bene? Lo coccolerebbe? Non puoi evitare di chiederti tra te e te cosa succederebbe in certe situazioni”.

flag

Scegliere una tata è stata sicuramente la decisione giusta per noi.

CLARE, GATESHEAD, UK


Sono tornata al lavoro quando Freddie aveva 10 mesi. Lavoravo quattro giorni a settimana, ma il carico di lavoro era lo stesso e in pratica dovevo fare le stesse cose in meno tempo.

L’asilo nido non era un’opzione valida per noi perché non potevamo permettercelo e avevamo bisogno di una flessibilità maggiore a quella che questo tipo di strutture offrono. Per fortuna, però, abbiamo trovato una bambinaia di nome Deb, non lontano da casa ed era perfetto perché io non guido, per cui era facile lasciare Freddie lì prima di andare al lavoro. Senza contare che se sono in ritardo per andarlo a prendere non è un problema perché non troverò la porta chiusa.

Clare, bambinaia

Freddie aveva iniziato con lo stare tre giorni con Deb e un giorno con mia sorella. Era un buon equilibrio, ma mi sono sentita in colpa per qualche tempo, almeno il primo mese. Era la decisione giusta? Non erano troppi per lui quattro giorni? E se facessero le cose in modo diverso rispetto a me? E cosa succederebbe se non si sentisse bene? Deb lo coccolerebbe? Non puoi evitare di chiederti tra te e te cosa succederebbe in certe situazioni.

E invece sta andando tutto benissimo perché adora Deb, anzi credo che Freddie abbia baciato lei prima di baciare me! Ogni giorno fanno tante cose divertenti, partecipano a gruppi per bambini, giocano su aree di gioco morbide, vanno in fattoria e fanno molte più cose che Freddie farebbe se fosse a casa con me, con la differenza che avrei le faccende domestiche di cui occuparmi! Tutto questo l’ha reso anche molto socievole. Gli piace molto andare a prendere i bambini grandi a scuola e si infuria se non puoi scivolare dal passeggino per andare a giocare a campana nell’area dedicata ai giochi. E anche gli altri bambini provano simpatia per lui, c’è questa bambina di nome Alice che gli fa un po’ da mamma ricoprendolo di baci e di coccole: e lui ama tutte quelle attenzioni!

Credo che una delle ragioni per cui l’abbia presa così bene è perché lo abbiamo lasciato sempre con altre persone, amici e familiari, sin da piccolissimo. Era abituato a stare con altre persone e non aveva bisogno di stare con noi tutto il tempo. Avevamo anche stabilito dei giorni di prova con la tata, perciò sapevamo che era felice con lei prima che rientrassi al lavoro e ciò ha aiutato molto. Al compimento del decimo mese mangiava già cibi solidi, e aveva bisogno del biberon solo nel pomeriggio, per cui non c’era da preoccuparsi.

Deb non molto tempo fa ci ha fatto un rapporto con tanto di foto e racconti di tutto le cose che ha fatto e, ripensandoci, non so perché fossi così preoccupata. Magari sentirsi in colpa e avere dei dubbi fa solo parte dell’essere genitore!

È stato un po’ come tornare a riprendermi la mia identità.
Leggi la storia di Amy
-mothers-instinct-online

Ci risulta che ti trovi in un Paese diverso Cambia sito?

Ignora