Menu

Diari del genitore

“Mi guardava e mi riconosceva. Mi conosceva da sempre”.

flag

I primi giorni sono stati più duri di quanto avessi immaginato

EMILY, SAN FRANCISCO, CALIFORNIA


Siamo stati in ospedale un’infinità di tempo, Franklin era attaccato a una macchina che lo aiutava a respirare e io ero nel reparto con le altre mamme. Frank aveva contratto lo streptococco B durante il parto e io non potevo camminare a causa di una lesione muscolare dovuta al travaglio, quindi un’infermiera doveva portarmi a vederlo sulla sedia a rotelle. Ogni paio d’ore lo facevano sdraiare su di me, ma non era abbastanza forte per mangiare.

Il terzo giorno mi hanno lasciato provare ad allattarlo, l’infermiera lo ha preso dalla sua culla (era almeno il doppio rispetto a molti degli altri bambini prematuri del reparto) e me lo ha dato. Mi ha guardata dritto negli occhi come se mi conoscesse da sempre, non dimenticherò mai quello sguardo. Dopo poco ha cominciato a prendere il latte al seno tutto da solo, ma a un certo punto è iniziato un segnale acustico e l’infermiera ha dovuto riprenderlo. Gli hanno dato dell’ossigeno ed è passato molto tempo prima che il suo respiro tornasse normale, sono sembrate delle ore ma probabilmente erano solo pochi minuti.

Dopo quella volta però è stato tutto diverso, mi guardava e mi riconosceva. Mi conosceva da sempre. Dopodiché mi sono convinta che bastava che fossimo insieme e tutto sarebbe andato bene, dovevamo solo connetterci l’uno all’altro.

Qualche giorno dopo Franklin ha sconfitto l’infezione e io sono riuscita a ricominciare a camminare. Ma i ricordi dei primi giorni con il mio bambino sono tutti sfocati, eravamo entrambi così deboli. Sapevo però che dovevamo stare insieme e penso che sia proprio questo che ci ha permesso di superare tutto. Dover essere portata sulla sedia a rotelle in fondo al corridoio per vederlo è stato duro ma tenerlo fra le mie braccia mi ha permesso di andare avanti. Dovevo aver fiducia che sarei riuscita a portarlo a casa e abbracciarlo ogni giorno, dovevo crederci tutti i giorni per renderlo possibile.


-instruction-manual
Di solito ero l’unico papà, ma mi ci sono abituato presto
Leggi la storia di Ben

Ci risulta che ti trovi in un Paese diverso Cambia sito?

Ignora